fbpx

Chi siamo

Il Salone dei Rifiutati è una Cooperativa Sociale fondata nel 2016, già attiva dal 2008 come atelier creativo autogestito.

Il Salone dei Rifiutati è un’officina artigianale e creativa dove si realizzano iniziative e produzioni che, partendo dalla rivalutazione degli oggetti rifiutati, diventano occasioni di lavoro, incontro e condivisione attraverso esperienze innovative che vedono nel fare l’aspetto fondante del conoscere.

La cooperativa opera in convenzione con aziende del territorio che conferiscono scarti di produzione, poi riconvertiti dagli operatori come materiale per attività didattiche, mostre, laboratori e corsi di formazione in sinergia con artisti, creativi ed enti pubblici, privati e del terzo settore, costruendo una preziosa opportunità per realizzare percorsi di aggiornamento rivolti a insegnanti di ogni ordine scolastico ed operatori sociali e culturali.

Il Salone dei Rifiutati realizza allestimenti museali, installazioni interattive e attiva percorsi di residenza artistica ed operazioni di arte partecipata, frutto di confronti e riflessioni collettive che coinvolgono cittadini di ogni età.

La cooperativa gestisce il MOON – Museo Officina degli Oggetti Narranti di Potenza.

Il nome è un omaggio al Salon des Refusés parigino, l’esposizione organizzata nel 1863 da Napoleone III, per accogliere le opere degli artisti rifiutate dal Salon “ufficiale” dell’Académie des Beaux-Arts di Parigi.

In quell’anno, la giuria di ammissione dell’Accademia rifiutò di esporre circa 3000 dipinti, sia per i soggetti ritratti che per le tecniche non tradizionali utilizzate dai pittori. A seguito di numerose proteste, l’Imperatore organizzò quindi un’esposizione parallela a quella ufficiale, consentendo ad artisti come Edouard Manet, Claude Monet, Camille Pissarro, James Whistler e altri di esporre le loro opere. Il Salon des Refusés ha rappresentato la prima apertura verso l’arte “non ufficiale” e segna convenzionalmente l’inizio del movimento impressionista.

Attività di rete cooperativa

Il Salone di Rifiutati organizza e promuove iniziative e progetti di aggregazione che coinvolgono e mettono in rete le cooperative sociali per lo sviluppo di occasioni di inclusione innovative, sostenendo e potenziando la solidarietà sociale attraverso i criteri dell’agire creativo.

Grazie anche alla presenza di uno spazio officina, è possibile realizzare percorsi di progettazione e costruzione partendo da materiali recuperati.

Ospitalità per iniziative culturali

Gli spazi del MOON, sede della cooperativa il Salone dei rifiutati, possono ospitare eventi culturali e festival. 

Negli ambienti interni si organizzano laboratori, incontri, presentazioni, performance teatrali e musicali, mostre, letture di gruppo, proiezioni audiovisive.

Il MOON dispone di un ampio parcheggio antistante e di un appartamento per le residenze.

La cooperativa mette inoltre a disposizione servizi di assistenza tecnica di base e promozione degli eventi sul territorio e sui social media.

Progetti internazionali

Il Salone dei Rifiutati realizza progetti intersettoriali finalizzati alla valorizzazione del territorio, sviluppando progetti comunitari con partner internazionali, portando avanti percorsi artistici interculturali e ricerche attraverso la pratica dell’attraversamento creativo e aderendo ai network europei.

In particolare il Progetto artistico interculturale M.E.M.O.RI. – Museo Euro Mediterraneo dell’Oggetto Ri-fiutato, frutto di una ricerca in area euro-mediterranea volta ad aprire un museo partendo da oggetti comuni, attraverso una pratica di attraversamento creativo finalizzato a conoscere i luoghi delle 10 comunità coinvolte.

Kit didattico creativi

La Cooperativa dispone di un emporio di materiali recuperati dalle aziende e riconvertiti dagli operatori come materiale per attività didattiche, mostre, laboratori e corsi di formazione.

Dalla volontà di dare una seconda vita agli oggetti scartati e orientati a veicolare le potenzialità educative dei materiali non strutturati*,  nascono i nostri kit.

I kit sono diversi ma tutti pensati a partire da quei materiali, generalmente considerati rifiuti da eliminare, che invece possono essere riutilizzati in momenti di esplorazione manipolatoria ed espressiva.

La nostra gamma di kit creativi è ideale per attività di gruppo scolastiche, per il doposcuola e le attività domestiche o come regali di fine festa.

Immaginati per fornire un’esperienza esplorativa e poetica a partire da materiali poveri o come sussidio operativo nella didattica.

La linea di kit del Salone dei Rifiutati è anche una proposta di educazione ambientale, uno strumento per rileggere, valorizzare e trasformare in risorse ludiche contenitori ed oggetti quotidiani e riflettere sulle potenzialità del riuso e sulla sostenibilità.

*i materiali non strutturati sono materiali non orientati ad un utilizzo univoco e predefinito, ma che suggeriscono combinazioni aperte e molteplici.  A questa categoria si riferiscono tre tipologie specifiche di cui l’emporio dispone in modo variabile: materiali naturali (materiali messi a disposizione dalla natura),  materiali di recupero (materiali artificiali già utilizzati che hanno esaurito la loro funzione originaria) e materiali di scarto industriale (materiali generati come surplus al termine di un processo produttivo, resti di altri prodotti o errori di produzione).

Contatti

SEDE LEGALE

P.le Budapest, 46
85100 Potenza (PZ)
mob.: {+39} 340 7998443‬
C.F. e P.I.: 01968860765

SEDE OPERATIVA

c/o MOON – via Macchia S. Luca 68/i
85100 Potenza
tel.: {+39} 0971 476646
email: ilsalonedeirifiutati@gmail.com